Blog • Cultura

Sand’Andonje… festeggiare la tradizione

Lu Sand'Antonje di Nepezzano

Antonio Abate, meglio conosciuto in Abruzzo come Sant’Andònie de jennàre o de lu porche, è il Santo rappresentato nelle immagini votive con molti animali, soprattutto con il maiale di cui, come vuole la tradizione contadina, non si butta via nulla. Il maiale e gli altri animali, preziosi per le attività agricole e per l’alimentazione di un intero anno, vengono benedetti, secondo il rituale romano, il 17 gennaio, giorno in cui si onora Sant’Andònie.

Altri tre elementi fondamentali del Sant’Andònie sono il fuoco, il diavolo e i canti di questua: i primi due perché si narra che Sant’Antonio fosse sceso all’inferno per salvare le anime dal demonio; l’altro perché, secondo la tradizione, il diavolo metteva alla prova in vari modi il Santo per indurlo nel peccato, e nei canti si rievocano queste tentazioni. Tuttavia il bene vince sempre sul male e Sant’Andònie riuscì a spuntarla.

Il Santo viene festeggiato in molti paesi d’Abruzzo; durante i giorni di festa (solitamente il 17 gennaio) nei borghi ricorre l’usanza di ricordare tutta la storia legata a Sant’Andònie accendendo fuochi, mangiando salumi, bevendo vino e cantando, durante la questua casa per casa, i famosi versi: “viva viva sant antonio lu nemico de lu demonio…”

Da non perdere

“Lu Sand’Andonje” a Cermignano (TE) dal 15 al 17 gennaio.

“Lu Sand’a Ndunje a Mendurje” a Montorio al Vomano e le sue frazioni dal 15 al 17 gennaio.

“Lu Sand’Andonje” nella frazione Nepezzano di Teramo il 16 e 17 gennaio.

 

Canti d’Abruzzo dedicati a Sant’Antonio Abate

Lu Sand’Andonie.

testo e musica di Ignoto 
riscritta e armonizzata da Ettore Montanaro.

Don Don aprite è sand’Andonië
Don Don aprite è sand’Andonië.

Bonasera bbona ggende
che vivetë allegramende
ve salutë sand’Andonië
prutettore condr’a lu Demonië
ve salutë sand’Andonië
prutettore condr’a lu Demonië.

A stu sandë na bbona mojë
li parindë j’avevë uffertë
essë scapp’a lu desertë
pi nn’avè li siccaturë.

Sand’Andonië llà lu piattë
se magnevë li tajulinë
lu Demonië uatta uattë
je s’arrobbë la furcinë,
Sand’Andonië nze ne lagne
e con la mani se li magne.

Sand’Andonië pi la ‘mbussë
jev’a caccë dë ciammarichë,
lu Demonië je da’ na vussë
e lu manne ‘mmezz’a la rittichë.

L’addrë jurnë ‘nghe li baffë
ha ‘ngundratë Satanassë
se lu pije e si l’arraffë
e lu leghe ‘mbacci’a ‘nu sassë.

Bonanotte ggend’amichë
lu Signore ve benedichë
e v’accresce lu patrimonië
‘nghe li grazië di sand’Andonië

 

Buona sera buona gente / che vivete allegramente / vi saluta sant’Antonio / protettore contro il Demonio / a questo santo una buona moglie / i parenti avevano offerto / lui scappa nel deserto / per non avere seccature / sant’Antonio dentro al piatto / si mangiava i tagliolini/ il Demonio quatto quatto gli si ruba la forchetta/ sant’Antonio non se ne lagna/ e con le mani se li mangia / sant’Antonio dopo la pioggia /andava a caccia di lumache / il Demonio gli dà una spinta / e lo manda in mezzo all’ortica / l’altro giorno con i baffi/ ha incontrato Satanasso / se lo prende e lo arraffa / e lo lega contro un sasso / buonanotte gente amica / il Signore vi benedica / vi fa accrescere il patrimonio / con le grazie di sant’Antonio.

Lascia un commento