Degustazione • Musica

Aperitivo in Musica “De Palma e Fratta” – Teramo (TE)

Aperitivo in musica Dino De Palma

Per la rassegna Aperitivo in musica,  il duo Dino De Palma e Gianna Fratta sono all’Auditorium San Carlo del Museo Archeologico (via Delfico 30) a Teramo, domenica 6 dicembre 2015 alle ore 11,00.

L’evento è in programma nell’ambito della XXII Stagione Concertistica organizzata dall’Associazione Orchestrale da Camera “Benedetto Marcello”.

Per  “Aperitivo in Musica” il duo violino e pianoforte, propongono J. Brahms, E. Grieg, Respighi, Saint Saens e De Sarasate con suggestioni diverse e virtuosismo.

L’Aperitivo in musica è preceduto da un incontro con le opere d’arte a cura della Dott. ssa Paola Di Felice. Sempre nella mattinata di domenica sono previsti i laboratori didattici per bambini nello spazio museale.

Le degustazioni sono offerte dalle aziende enogastronomiche locali a conclusione del concerto.

Dino De Palma
Dino De Palma, terminato con lode il corso accademico di violino e col massimo dei voti quello in viola, si è laureato con 110 e lode in Lettere. La sua carriera di solista e camerista lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo in sale e teatri come la Carnegie Hall e il Lincoln Center a New York, la Sala Tchaikowsky a Mosca, il Teatro Coliseum a Buenos Aires, il Centro Pompidou a Parigi, il Seoul Art Center a Seul, l’Auditorium Nazionale di Madrid, il Teatro Solis a Montevideo, la Smethana Hall di Praga e moltissimi altri in tutto il mondo. Le sue tournèe, in oltre venti anni di carriera solistica e cameristica, lo hanno visto protagonista in tutto il mondo spesso al fianco di artisti del calibro di Uto Ughi, Enrico Dindo, Jerry Lewis, , Liza Minnelli, Roberto Benigni, Vittorio Gassman, Placido Domingo e molti altri.
Violino di spalla dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, della Filarmonica Marchigiana, dell’Orchestra da camera di Bologna, prima viola nell’Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia e del Teatro Regio di Parma, ha collaborato con le orchestre sinfoniche della RAI di Roma, Torino e Napoli, con “I Solisti Aquilani”, “I Filarmonici di Roma”, l’”Orchestra da camera di Santa Cecilia” di Roma, i Solisti Dauni di cui è stato primo violino per oltre quindici anni e molte altre orchestre in Europa e nel mondo. Ha inciso per BMG, Bongiovanni di Bologna, Velut Luna di Padova, Amadeus e altre case discografiche. Già docente all’Università di Foggia, ai corsi dell’ISMEZ, insegna violino al Conservatorio di Foggia ed è visiting professor alla Sungshin University di Seoul.

Gianna Fratta
Gianna Fratta, ha suonato e diretto in tutto il mondo, dopo aver completato la sua formazione accademica in varie discipline tra cui pianoforte e composizione col massimo dei voti, direzione d’orchestra con 10 e lode. Il Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano le ha conferito l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica per i suoi meriti artistici internazionali come pianista e direttrice d’orchestra che l’hanno vista esibirsi nelle sale più prestigiose e con le più grandi orchestre, spesso come prima donna. Da New York a Seoul, da Barcellona a Londra, da Parigi a Tel Aviv, da Istanbul a Berlino, da Stoccolma a Macao, da Vilnius a Bombay, da Buenos Aires a Praga, da Sidney a San Paolo, Gianna Fratta ha lavorato con i più grandi artisti del panorama musicale mondiale. Borsista all’Accademia Chigiana, ha ottenuto il prestigioso diploma di merito dell’Istituzione senese e – scelta tra oltre 200 direttori da tutto il mondo – è diventata assistente del grande direttore Yuri Ahronovitch che ha scritto di lei “non ho mai conosciuto un direttore così giovane e già così dotato di braccia e di cuore”. Tiene master classes in molte università nel mondo e attualmente è docente al Conservatorio di Foggia e visiting professor alla Sungshin University di Seoul. Nell’ottobre del 2014 il suo nome è stato pubblicamente fatto nella terna dei possibili successori a Riccardo Muti alla direzione stabile del Teatro dell’Opera di Roma. È laureata in giurisprudenza, oltreché in discipline musicali con 110 e lode.

Lascia un commento