Arte e Cultura

Antico Frantoio – Sant’Omero (TE)

Antico-Frantoio

Situato in Contrada Metella a Sant’Omero, in aperta campagna a due passi da un ulivo secolare,  si trova un frantoio antico, uno degli ultimi rimasti in Abruzzo.

Realizzato nel 1830, conserva tuttora intatta la sua struttura: un gigantesco torchio a vite in legno funzionante manualmente mediante cavo e la grossa macina in granito per la spremitura delle olive a trazione animale, con una vasca di 3 metri di diametro.

Il frantoio si trova all’interno di una delle più moderne pinciaie, le case contadine rimaste in piedi e presenti nella zona (da qui il percorso ciclo-ippico-pedonale che prende appunto il nome di Strada delle Pinciaie).

Queste antiche abitazioni rurali costruite in terra, paglia, argilla e acqua, risalgono agli inizi dell’800 anche se alcune tracce sono rinvenibili sin dal neolitico. Costruite su terreno rialzato e ventilato per evitare il ristagno dell’acqua, potevano essere ad un o più vani, su due piani collegati da una scala in legno che poteva essere sia interna che esterna. Al piano terra c’era la stalla, il magazzino e la cantina (o come in questo caso il frantoio), mentre al piano superiore la cucina con il focolare al centro e due stanze da letto ai lati.

Nell’antico frantoio sono ancora conservati gli stampi in legno con cui si realizzavano i mattoni.

Messo a dimora, è attualmente di proprietà della famiglia Di Emidio, che si occupa della sua manutenzione e delle visite guidate. A tal proposito, a raccontare la storia e funzione del vecchio frantoio, troverete due guide d’eccezione: il piccolo e vivace Antonio e la gentile signora Rita, una delle ultime custodi di una tradizione e di un sapere antico.